Commento al Vangelo del giorno: 08 Gennaio 2021 – Divenire pane spezzato e luce di salvezza

Il Vangelo di oggi: Mc 6,34-44

scegli la luceIn quel tempo, sceso dalla barca, Gesù vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose. Essendosi ormai fatto tardi, gli si avvicinarono i suoi discepoli dicendo: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congedali, in modo che, andando per le campagne e i villaggi dei dintorni, possano comprarsi da mangiare». Ma egli rispose loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Gli dissero: «Dobbiamo andare a comprare duecento denari di pane e dare loro da mangiare?». Ma egli disse loro: «Quanti pani avete? Andate a vedere». Si informarono e dissero: «Cinque, e due pesci». E ordinò loro di farli sedere tutti, a gruppi, sull’erba verde. E sedettero, a gruppi di cento e di cinquanta. Prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero a loro; e divise i due pesci fra tutti. Tutti mangiarono a sazietà, e dei pezzi di pane portaronovia dodici ceste piene e quanto restava  dei pesci. Quelli che avevano mangiato i pani erano cinquemila uomini.

Contemplo:

Quando sono nel dolore:
Un mio fratello ha paura e scantona, al massimo mi butta là una delle solite frasi di conforto che non riescono ad alleggerire la mia croce. Quando uno dei miei fratelli si immedesima col mio dolore e cammina con me, siamo in due ad aver bisogno di lui, per poter camminare. Una lacrima senza di lui è già notte sui miei passi ed io non posso aver altra luce. Quando c’è lui mi prende semplicemente la mano, mi cammina accanto, mi lascia ancora la mia croce, non appiana la via, ma far strada con lui è un altro cammino. Mi pare splenda lontano una stella ed essere sicuri della meta è già illuminare tutta la strada. C’è ancora il dolore, ma non viene più la disperazione. Anche quando ritirerà la sua mano, io lo sentirò ancora vicino.

Commento al Vangelo del giorno:

Gesù dice ai suoi discepoli privi di cibo e con cinquemila persone affamate davanti: “Voi stessi date loro da mangiare.” Cosa sta chiedendo ai suoi? Un passo del profeta Isaia (58,10) illumina questa affermazione: “Se tu dai all’affamato il pane della tua anima e se tu sazi l’anima dell’oppresso allora brillerà tra le tenebre la tua luce.”
Gesù chiede ai discepoli di entrare in un atteggiamento di compassione e di condivisione nei confronti del popolo smarrito; chiede di fare proprie le domande di questa gente, di sentirsi vicino alla loro fame per indirizzare il loro grido in una preghiera all’unico che può saziare la loro fame e sete. Gesù chiede anche a te oggi di provare ad ascoltare questo grido dei poveri per divenire, sul suo esempio, pane spezzato e luce di salvezza.