Commento al Vangelo del giorno: 15 Febbraio 2021 – Non è tempo di indugiare

fariseiIl Vangelo di oggi: Mc 8,11-13

In quel tempo, vennero i farisei e si misero a discutere con Gesù, chiedendogli un segno dal cielo, per metterlo alla prova. Ma egli sospirò profondamente e disse: «Perché questa generazione chiede un segno? In verità io vi dico: a questa generazione non sarà dato alcun segno». Li lasciò, risalì sulla barca e partì per l’altra riva.

Advertisements

Contemplo:

Quando potrò dormire?
Man mano che la nostra vita va finendo sentiamo di più il bisogno di sonno, ma questo non viene più a ristorare. La notte stessa che era destinata al sonno sembra che abbia fatto un patto di non lasciarci dormire. Le notti insonni paiono fatte per non lasciarci vedere nulla, mentre invece ci fanno veder tutto. Non c’è cosa insignificante che di notte non ingrandisca e diventi spaventosamente mostruosa. Hanno inventato tanti sonniferi, ma sono incapaci di tagliare la strada dell’insonnia. Inoltre ci sono malattie che fanno a pugno con il sonno. Io sono alle prese con una di queste in modo che ho sempre nostalgia di sonno. Man mano che il male avanza mi sento spogliare di tutto. Questa spogliazione mi fa bene. Mi pare ancora di essere bambino quando la mamma mi spogliava dei vestiti per mettermi a letto. Ora è il Signore che mi spoglia e mi trova tanto ostile a questa spogliazione, ma con tanta nostalgia di riposo.

Commento al Vangelo del giorno:

Come è subdolo il tentativo dei farisei di ingannare il maestro! Il loro cuore è doppio pervaso da desideri malvagi! Dialogano e disputano con lui allo scopo di trovare, nelle sue parole un pretesto per confonderlo e raggirarlo. La trappola, tuttavia, non sortisce l’effetto desiderato. Nelle loro parole, infatti, Gesù coglie, seppur con delusione e amarezza, la malvagità e la doppiezza dei loro intenti, che smaschera apertamente. Ed è subito silenzio! Delusione, solitudine, oscurità… Un sospiro sale dal cuore e un interrogativo profondo invita ciascuno alla riflessione: Perché questa generazione chiede un segno? Sull’altra riva altri fratelli attendono e aspettano la buona notizia! Non è tempo di indugiare….via di nuovo sulla barca.

Advertisements

L’audio commento di don Luciano: