Commento al Vangelo del giorno: 2 maggio 2021 – Sono un tralcio, Signore

Il Vangelo di oggi: Gv 15,1-8

 

vite

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano. Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

Contemplo:

Il riflesso dell’essenza divina
Per Gesù l’amore non è un a scelta fra tante, ma il riflesso dell’essenza divina, che è origine e fonte della vita e delle nostre potenzialità. Proprio l’immagine divina emerge dal vangelo a svelare la dimensione, i confini e le motivazioni di questo amore. Il Dio di Gesù non è un padre-padrone, non è un tiranno, magari generosissimo con i suoi, ma spietato con chi va fuori dalle righe. E’ tutt’altra cosa: è un genitore forte ma tenero, esigente ma affettuoso, che si pone al servizio dei figli, che vuole aiutarli a crescere, a diventare uomini e donne in pienezza, capaci di somigliargli e di collaborare attivamente a coltivare vita e amore.

Commento al Vangelo del giorno:

“Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci.” Sono un tralcio, Signore, sono un piccolo tralcio, ma unito a te che sei la vita, posso portare molto frutto. Insieme a te posso fare cose grandi, perché tu lo hai promesso. Aiutami a non staccarmi dalla radice che sei tu, che mi hai generato e mi doni nutrimento e vitalità. Unito a te, come alla vite, posso assaporare il gusto della vita, sperimentare la sua preziosità e godere la sua ricchezza. Aiutami, però ad accogliere le potature che il divino agricoltore desidera cogliere, attraverso eventi e situazioni. nella mia vita, affinchè il frutto possa essere abbondante e succulenti grappoli d’uva possano arricchire la nostra tavola. Il dolore di ogni potatura avrà, così, un senso e se qualche lacrima di dolore righerà il mio volto, sarà per la tua gloria.

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker