Commento al Vangelo del giorno: 20 Maggio 2020 – Dio è vicino, più vicino a te di te stesso

Il Vangelo di oggi: Gv 16,12-15

mani di dioIn quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

Contemplo:

Il tempo nuovo riempie:
La buona novella di Cristo annuncia un altro tempo. Coloro che vivono la vita di Cristo vivono sia nel tempo che al di sopra del tempo: non sono più vittime della corsa sfrenata in cui il tempo divora se stesso. Ogni volta che essi sperimentano il carattere effimero di ciò che passa, mediante la fede possono prendere più vivamente coscienza della pienezza di durata di cui sono in possesso, nella misura in cui rimangono uniti a Cristo, fonte della loro vita più alta. Il tempo nuovo riempie, senza mai esaurirsi, le profondità dell’essere. Piuttosto di generare la malinconia, esso nutre il cuore di speranza. Non si vuota mai del suo contenuto e offre una ricchezza insondabile. Non condanna l’amore a un rapido esaurimento, perché l’amore che proviene da Cristo è capace di mantenersi attraverso tutto.

Commento al Vangelo del giorno:

Dio ha fatto il mondo e tutto ciò che contiene. E’ il Signore del cielo e della terra. E’ lui che dà a tutti la vita e il respiro e ogni cosa. In lui infatti viviamo, ci muoviamo ed esistiamo.
Venga sempre lo Spirito di verità a cui Cristo, risorto e tornato al Padre, ha affidato tutto ciò che è suo, affinchè fosse annunciato a noi. Lo Spirito della verità mi guiderà a tutta la verità. Prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Dio è vicino, più vicino a te di te stesso. E’ qui, come intenzione di bene, come guaritore della vita, come roccia a sostenere la casa, come festa, novità, qualità, energia, passione, entusiasmo, sapore e colore delle cose. E’ qui anche per me, che non ho meriti. Il Signore conta non i miei meriti ma il mio bisogno.