Commento al Vangelo del giorno: 21 Gennaio 2020 – Non pensare male delle azioni degli altri

Il Vangelo di oggi: Mc 2.23-28

giudicare-gli-altriIn quel tempo, di sabato Gesù passava fra campi di grano e i suoi discepoli, mentre camminavano, si misero a cogliere le spighe. I farisei gli dicevano: «Guarda! Perché fanno in giorno di sabato quello che non è lecito?». Ed egli rispose loro: «Non avete mai letto quello che fece Davide quando si trovò nel bisogno e lui e i suoi compagni ebbero fame? Sotto il sommo sacerdote Abiatàr, entrò nella casa di Dio e mangiò i pani dell’offerta, che non è lecito mangiare se non ai sacerdoti, e ne diede anche ai suoi compagni!». E diceva loro: «Il sabato è stato fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato! Perciò il Figlio dell’uomo è signore anche del sabato».

Contemplo:

Il rovesciamento:

Dio non è come ce lo immaginiamo noi spontaneamente: egli, da ricco che era, si è fatto povero per noi, per farci ricchi. Dio supera e rovescia tutte le immagini che ci facciamo di lui. Il suo amore per noi non è pari alla misura dei nostri sforzi per raggiungerlo. Egli ci precede. E’ già là molto prima che noi ce ne rendiamo conto. Il suo amore non è come il nostro, che si fonda spesso sulle qualità dell’altro. Come Dio nella sua sapienza e il suo amore è il totalmente altro, pure il suo Regno mette tutti i valori e le situazioni umane sottosopra: il ricco diventa povero, e il povero, ricco; l’uomo debole diventa forte e il forte si scopre fragile.

Commento al Vangelo del giorno:

Cristo è il Signore di tutto il creato. Gesù vuole mettere in chiaro la gerarchia della nostra vita: prima Dio, poi l’uomo, e poi la legge, in funzione di Dio e dell’uomo. A volte abbiamo una visione molto ristretta del cristianesimo e ci fermiamo alle regole, senza andare al motivo di esse: l’Amore. E siccome dimentichiamo l’amore, vivere la nostra fede coerentemente finisce col sembrarci troppo difficile. Per esempio: se sappiamo che nell’Eucaristia è presente Cristo, non solo sentiamo nostro, personale, il dovere di andare a Messa la domenica, ma cerchiamo di andare a pregarlo e riceverlo anche negli altri giorni: qui c’è il nostro Dio, che aspetta solo di entrare nella nostra casa, che desidera venirci incontro. Ecco, poi, un’altra semplice lezione: non fa mai bene all’anima pensar male delle azioni degli altri. Com’è facile diventare giudici dei nostri fratelli! Ma, così facendo, ci si allontana molto dalla via della nostra fede. Secondo le regole dei farisei, di sabato non si poteva cogliere il grano, ma nonostante questo Gesù dice chiaramente che i suoi si stavano comportando in modo giusto. E Lui, il Signore, che giudica; noi possiamo amare e servire gli altri, dato che Cristo ci viene incontro in ogni persona, per far sì che il suo giudizio su di noi sia il migliore possibile.