Commento al Vangelo del giorno: 21 Gennaio 2021 – Accogliere il suo annuncio d’amore

Il Vangelo di oggi: Mc 3,7-12

barca_e_lago_al_tramonto_gialloIn quel tempo, Gesù, con i suoi discepoli si ritirò presso il mare e lo seguì molta folla dalla Galilea. Dalla Giudea e da Gerusalemme, dall’Idumea e da oltre il Giordano e dalle parti di Tiro e Sidòne, una grande folla, sentendo quanto faceva, andò da lui. Allora egli disse ai suoi discepoli di tenergli pronta una barca, a causa della folla, perché non lo schiacciassero. Infatti aveva guarito molti, cosicché quanti avevano qualche male si gettavano su di lui per toccarlo. Gli spiriti impuri, quando lo vedevano, cadevano ai suoi piedi e gridavano: «Tu sei il Figlio di Dio! ». Ma egli imponeva loro severamente di non svelare chi egli fosse.

Advertisements

Contemplo:

Sembravi non ascoltarmi:
Sono venuto a farti visita in chiesa e mi parevi assente. Nulla indicava la tua presenza se non la piccola lampada accanto all’altare. Era l’unica cosa tremolante che diceva di si al mio: Ci sarà? Ma non ti sentivo. Continuavo a parlarti, ma tu tacevi sempre. Anche il buio della chiesa aiutava la sensazione della tua assenza. Pensavo dentro di me: “Dopo tutto, Dio tra noi, prenderà le nostre abitudini e anche lui potrebbe assentarsi. Tanto più quando rimane per tanto tempo da solo e inattivo nelle nostre chiese. Forse sarà andato anche lui a far visita a qualche bisognoso, che da tanto lo aspettava. Quando è tra noi anche lui avrà le nostre restrizioni e non potrà essere dappertutto”. Mi fecero così aumentare le ragioni della mia pazienza e diminuire quasi un senso di gelosia che noi abbiamo a volte anche con Dio. Ma in quel momento mi sono accorto di una donnetta che pregava in un angolo della chiesa. Per lei era lì il Signore, lei lo sentiva e mi vergognai di non avere le stesse disposizioni per sentirlo.

Commento al Vangelo del giorno:

Advertisements

«Tu sei il Figlio di Dio!». Ma egli imponeva loro severamente di non svelare chi egli fosse.
Mentre i nemici di Gesù tramano contro di lui, egli si ritira presso il mare; dalla sinagoga a una barca, la potenza salvifica di Gesù sembra rimpicciolirsi con uno zoom veloce. Invece una grande folla va da lui, non solo dalla Galilea. Perfino i demoni cadono ai suoi piedi, ma Gesù impedisce loro di rivelare la sua identità: egli non è un messia trionfante, ma colui che incarna una divina condiscendenza verso le ferite e i mali della gente che accorre a lui da ogni parte. Egli fa risplendere la vita per mezzo del Vangelo, annunciato da una barca –figura della Chiesa – che va tenuta pronta per accogliere il suo annuncio d’amore, che risuona senza imporsi, che affascina, ma nella libertà dell’amore.

L’audio riflessione di don Luciano: