Commento al Vangelo del giorno: 23 Giugno 2021 – Solo Dio è sicuro…

ll Vangelo di oggi: Mt 7,15-20

falsi profetiIn quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Guardatevi dai falsi profeti, che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci! Dai loro frutti li riconoscerete. Si raccoglie forse uva dagli spini, o fichi dai rovi? Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi; un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni. Ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. Dai loro frutti dunque li riconoscerete».

Contemplo:

Prendi un altro!
Dice il Signore: io non sono un Dio anonimo. Io sono un Dio che parla e chiama per nome. Un bimbo orfano mi è caro più di una stella. Tutto l’oro del mondo non vale una preghiera. E la giustizia di un uomo è la mia gloria. Io non sono un Dio impassibile: sono il Dio di Mosè. Io prendo un peccatore e ne faccio un profeta. Signore, non ti capisco: perché mi metti in bocca parole non mie? Peccati non miei? Chi mi ascolterà? Chi mi crederà? Chi crede agli ambasciatori di Dio, che minacciano castighi, che chiedono l’impossibile? Perché prendi me? Prendi un altro! Perché ti vuoi servire di un peccatore come sono io?

Commento al Vangelo del giorno:

Chi è il giusto? Perché una ricompensa? Cosa significa possesso? Parole quanto mai oscure, cui possiamo dare mille e mille significati, secondo l’uso che ne dobbiamo fare. Parole chiare ma che al loro interno possono nascondere i trucchi più subdoli, i tranelli più pericolosi. Queste come tantissime altre. E il nostro mondo lo sappiamo è pieno di queste realtà. Sempre bisogna fare attenzione a ciò che si dice, a ciò che si fa, a ciò che si progetta. Dietro l’angolo chissà cosa può succedere….! Il lato oscuro della luna, come si usa dire al giorno d’oggi, sconcerta e spaventa. Solo Dio è sicuro, solo lui è garanzia della qualità e del calore di uan vocazione vera, vissuta, donata. Non più quindi rapporti infreddoliti, dettati da una raccolta di leggi, ma una “religione” costruita su rapporti personali e autentici, dove contano i contraenti e non l’oggetto della contrattazione. Il Signore vuole così! Naturalmente senza tralasciare le nostre caratteristiche profondamente umane e quelle profondamente divine del Signore stesso.

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker