Vangelo di oggi

Commento al Vangelo del giorno: 22 Giugno 2021 – Un modo di essere e fare secondo il cuore di Gesù

ll Vangelo di oggi: Mt 7,6.12-14

solitudineIn quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi. Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge e i Profeti. Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che vi entrano. Quanto stretta è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e pochi sono quelli che la trovano!».

Contemplo:

Solitudine cristiana
La solitudine cristiana deve rivestire l’idea di un rifiuto e di una privazione: il rifiuto dell’inutile e la privazione dell’utile, per essere degni dell’essenziale. Il coraggio di lasciare tutto per essere degni del Tutto. Dio assorbe totalmente la vita: se la tua vita non è totalmente impegnata e hai tempi liberi, vuol dire che il Dio che cerchi è un povero Dio, forse un Dio irreale. Quello che avverrà dopo averlo trovato, che cosa farai, cosa dirai, non dipende più da te ma solo da Dio; dal suo dono che egli farà ad ogni persona coraggiosa che lo cerca.
Se dai la tua vita a Dio, non riprenderla ogni momento per fare progetti: lasciala nelle sue mani.

Commento al Vangelo del giorno:

“Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge e i Profeti….” Il Signore Gesù ci propone un modo di essere e di fare secondo il suo cuore che consiste nel vivere gesti di prossimità e atteggiamenti di cura e di misericordia nei confronti del prossimo. Ci invita ad evitare, per quanto ci è possibile, di arrecare offese ai nostri fratelli trattandoli nello stesso modo con cui noi stessi vorremmo essere trattati. La parola del vangelo che ci incoraggia a scusare il male e il peccato altrui così come sappiamo scusare noi stessi davanti a Dio, ci ricorda la beatitudine evangelica: “ Beati i misericordiosi perché troveranno misericordia” (Mt 5,7). Chiediamo perdono per ogni nostra povertà e per quella del fratello.

   

il Podcast di don Luciano