Commento al Vangelo del giorno: 28 Febbraio 2021 – Tra cielo e terra

luce-di-DioIl Vangelo di oggi: Mc 9,2-10

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro. Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

Contemplo:

Tante domande
Gesù ha provato turbamento davanti alla prospettiva della Croce. Così anche il discepolo: non solo il turbamento di fronte alla Croce del Maestro, ma di fronte alla Croce che continua anche dopo la risurrezione del Maestro. Ci sono dei momenti nella vita in cui si ha bisogno di aggrapparsi a qualcosa: le abitudini quotidiane si logorano e la vita perde di splendore. Ci vuole qualcosa di più. Non è più tutto come prima. Passano gli anni e le stagioni, cambia il volto della Chiesa e il modo della sua presenza nella storia. Anche il rapporto con Gesù cambia. E poi c’è il mondo, la debolezza del cristianesimo nella nostra cultura, tante domande…..E’ lì che un giovane, sapendolo o no, cerca un futuro, una parola, un amore, una speranza.

Commento al Vangelo del giorno:

Aiutaci, scopri come

Il passaggio è brusco: dal deserto alla trasfigurazione, dalle tentazioni alla voce rassicurante del Padre. L’esperienza singolare del Tabor è legata ad un tratto decisivo della vita di Gesù: calano gli ascolti, le folle si assottigliano, nubi minacciose si addensano sul gruppo dei Dodici. Per rincuorare il gruppo Gesù prende gli apostoli più influenti e regala loro un’estasi incancellabile. Pietro rimane stordito, ma pure gli occhi degli altri due testimoni si riempiono di luce. Fino ad allora si pensava che vedere Dio comportasse la morte. Loro invece contemplano il Figlio di Dio e rimangono in vita. In Cristo Dio ha risanato la vista dell’umanità. Ogni uomo è come un’opera incompiuta , ma progettata dalla mano del Creatore, fonte di luce. Una fede senza esperienza del Tabor non è fede. Ci può stare nel corso della vita, la stagione della prova e del deserto, ma la fede è preceduta e termina davanti al volto del Cristo Risorto. In caso contrario, si ridurrebbe a puri precetti morali. Per Pietro, Giacomo e Giovanni la luce del Tabor non rimarrà un evento esteriore. Provocherà in loro un’attrazione fatale. Il volto dell’uomo diventa ciò che guarda con gli occhi del cuore, si trasforma in ciò che prega ed ama. Ma non si trova la luce vera se, prima, non si aprono gli occhi sulle proprie tenebre. La luce può subire un’eclissi a causa del peccato, ma, purificato il cuore, essa torna a splendere sovrana. “Ascoltatelo!”. Chi ascolta Gesù, diventa come lui. La Parola fa coabitare con lui. La fede in Gesù non è una religione della visione, ma dell’ascolto. Si sale sul monte per vedere, ma si viene rimandati all’ascolto. Quel volto pieno di luce è lo stesso che si riempirà di sangue nell’ultima notte della vita. La luce e il sangue sono inseparabili per Gesù. Non si arriva alla gloria della trasfigurazione pasquale se non si transita attraverso la Croce.

 

AUDIO COMMENTO DI DON LUCIANO

 

 

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: