Commento al Vangelo del giorno: 29 Settembre 2020 – Grande cosa è l’amore dall’Imitazione di Cristo

Il Vangelo di oggi: Gv 1,47-51

amore eternoIn quel tempo, Gesù, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c’è falsità». Natanaèle gli domandò: «Come mi conosci?». Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto l’albero di fichi». Gli replicò Natanaèle: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele!». Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto l’albero di fichi, tu credi? Vedrai cose più grandi di queste!». Poi gli disse: «In verità, in verità io vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell’uomo».

Contemplo:

Signore invisibile, aiutami a credere:
Mio Dio, Signore invisibile, di cui a fatica afferro la presenza e di cui a stento percepisco l’aiuto, io ti prego e ti invoco: aiutami a credere in te. Aiutami a non accontentarmi, a non vivere senza farmi domande, a non accettare risposte alla vita già confezionate, a non rassegnarmi al silenzio. Signore, mio Dio, eccomi davanti a te per pregarti: fatti vicino a me perché io possa credere che la vita non è insensata e il mondo e la storia non sono avventure senza inizio e senza fine precisa. Eccomi davanti a te, Dio silenzioso, invisibile eppure vicino e presente: all’uomo e alla donna sempre manifesti il tuo amore appassionato perché la vita trionfi sulla morte, l’amore sconfigga l’odio, la speranza vinca sulla disperazione. Signore, io credo in te, ma ti prego: aiutami a credere.

Commento al Vangelo del giorno:

Grande cosa è l’amore. Un bene grande veramente. Un bene che, solo, rende leggera ogni cosa pesante e sopporta tranquillamente ogni cosa difficile; porta il peso senza fatica, e rende dolce e gustosa ogni cosa amara. Chi ama vola, corre lietamente; è libero e non è trattenuto da nulla. Spesso l’amore non conosce misura, in un fervore che oltrepassa ogni confine. L’amore non sente gravezza, non tiene conto della fatica, anela a più di quanto non possa raggiungere; non adduce a scusa la sua insufficienza, perché ritiene che ogni cosa gli sia possibile e facile. Colui che ama può fare ogni cosa, e molte cose compie e manda ad effetto; mentre colui che non ama viene meno e cade. L’amore vigila; anche nel sonno non s’abbandona; affaticato, non è prostrato; legato, non si lascia costringere; atterrito, non si turba: erompe verso l’alto e procede sicuro, come fiamma viva, cioè fiaccola ardente.