Commento al Vangelo del giorno: 30 marzo 2021- Dalla familiarità al tradimento

Il Vangelo di oggi: Gv 13,21-33.36-38

tradimentoIn quel tempo, [mentre era a mensa con i suoi discepoli,] Gesù fu profondamente turbato e dichiarò: «In verità, in verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». I discepoli si guardavano l’un l’altro, non sapendo bene di chi parlasse. Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. Simon Pietro gli fece cenno di informarsi chi fosse quello di cui parlava. Ed egli, chinandosi sul petto di Gesù, gli disse: «Signore, chi è?». Rispose Gesù: «È colui per il quale intingerò il boccone e glielo darò». E, intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda, figlio di Simone Iscariòta. Allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui. Gli disse dunque Gesù: «Quello che vuoi fare, fallo presto». Nessuno dei commensali capì perché gli avesse detto questo; alcuni infatti pensavano che, poiché Giuda teneva la cassa, Gesù gli avesse detto: «Compra quello che ci occorre per la festa», oppure che dovesse dare qualche cosa ai poveri. Egli, preso il boccone, subito uscì. Ed era notte. Quando fu uscito, Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. Figlioli, ancora per poco sono con voi; voi mi cercherete ma, come ho detto ai Giudei, ora lo dico anche a voi: dove vado io, voi non potete venire». Simon Pietro gli disse: «Signore, dove vai?». Gli rispose Gesù: «Dove io vado, tu per ora non puoi seguirmi; mi seguirai più tardi». Pietro disse: «Signore, perché non posso seguirti ora? Darò la mia vita per te!». Rispose Gesù: «Darai la tua vita per me? In verità, in verità io ti dico: non canterà il gallo, prima che tu non m’abbia rinnegato tre volte».

Contemplo:

La veste del servo
Nessuna cosa è più cara a Dio di colui che è l’immagine di Dio. Iddio ha posto tutto al di sotto dell’uomo, e l’uomo al di sotto di sé. Vuoi che sia sotto di te tutto ciò che Dio ha fatto? Sii tu sotto Dio. Accogli Lui e ti innalzerai sull’umano. Anche Cristo fu disprezzato; lui al quale vien detto: “In te mi rifugio” (Sal 56,1), è venuto ad essere disprezzato per te, e ti ha redento proprio perché disprezzato. Tu non saresti salvato, se egli non fosse stato disprezzato. Disprezzato in che senso? Perché ha preso la veste di servo, la tua stessa forma.

Commento al Vangelo:

Aiutaci, scopri come

Dopo le aspre polemiche con i farisei ci si sarebbe aspettati che il tradimento giungesse da uno di loro. Invece, a tradirlo sarà uno dei fedelissimi, un apostolo seduto a mensa con Gesù, pronto a condividere un’intimità già dissacrata con il pensiero, a fingere una fedeltà già tradita nel profondo del cuore. Una cena agitata, una notte buia quella di Giuda. Sarà angosciante uscire per lui dalla luce per immergersi nelle tenebre. Giovanni, il discepolo che Gesù ama si china sul Maestro per conoscere il destinatario dell’accusa di tradimento. Gli apostoli, invece di scandagliare gli abissi del proprio cuore, cominciano a guardarsi l’un l’altro. Pietro, poi, presume di se stesso. Promette e giura ignaro dei propri limiti. Dovrà fare l’esperienza bruciante del fallimento per convertire il cuore. Quell’ultima cena è memoriale della passione, morte e risurrezione del Signore, rivissuto spesso distrattamente nelle chiese, un rito consumato in fretta, senza cuore e senza stupore. Dio continua a consegnarsi all’indifferenza dei discepoli nella speranza che avvenga il miracolo, fioriscano cioè la meraviglia e la conversione. Due eccessi: il tradimento di Giuda e la presunzione di Pietro. Giuda lo tradisce pur ricevendo il “boccone” dell’amico e maestro. Pietro esagera, vuole salvar Dio, è abitato da un fervore che già in altri momenti lo ha portato a gesti di presunzione. Da solo Gesù affronterà l’ultima decisiva prova d’amore.

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: