Commento al Vangelo del giorno: 31 marzo 2021- Giuda è vivo

Il Vangelo di oggi: Mt 26,14-25

moneteIn quel tempo, uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariòta, andò dai capi dei sacerdoti e disse: «Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?». E quelli gli fissarono trenta monete d’argento. Da quel momento cercava l’occasione propizia per consegnare Gesù. Il primo giorno degli Ázzimi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Dove vuoi che prepariamo per te, perché tu possa mangiare la Pasqua?». Ed egli rispose: «Andate in città da un tale e ditegli: “Il Maestro dice: Il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te con i miei discepoli”». I discepoli fecero come aveva loro ordinato Gesù, e prepararono la Pasqua. Venuta la sera, si mise a tavola con i Dodici. Mentre mangiavano, disse: «In verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». Ed essi, profondamente rattristati, cominciarono ciascuno a domandargli: «Sono forse io, Signore?». Ed egli rispose: «Colui che ha messo con me la mano nel piatto, è quello che mi tradirà. Il Figlio dell’uomo se ne va, come sta scritto di lui; ma guai a quell’uomo dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito! Meglio per quell’uomo se non fosse mai nato!». Giuda, il traditore, disse: «Rabbì, sono forse io?». Gli rispose: «Tu l’hai detto».

Contemplo:

Perché nessuno s’insuperbisca
Confessare a Dio che cosa significa se non umiliarsi davanti a Dio e non attribuirsi alcun merito? Poiché “per grazia sua siamo stati salvati”, come dice l’Apostolo: “non per merito delle opere perché nessuno s’insuperbisca; infatti per sua grazia siamo stati salvati” (Ef 2,8-9). Non è preceduta infatti una qualche vita meritoria, che Dio dall’alto possa aver gradito e amato e così possa aver detto: “Veniamo in aiuto, soccorriamo questi uomini, perché vivono bene”. Non fu contento della nostra vita, gli dispiacque in noi tutto quanto facevamo, mentre non gli dispiacque quanto lui aveva fatto per noi. Perciò condannerà quanto abbiamo fatto noi, salverà quanto ha fatto lui. Condannerà le cattive azioni degli uomini, ma salverà gli uomini.

Commento al Vangelo:

Aiutaci, scopri come

Nel testo di Matteo per ben due volte compare l’espressione: “Sono forse io, Signore?” Gesù rivelerà che a tradirlo sono quelli che si cibano del suo stesso piatto, i vicini, quelli che condividono il dono della Parola, che mangiano lo stesso pane eucaristico. Intingere nello stesso piatto, significa essere di casa,“consanguinei. “Quanto volere darmi perché io ve lo consegni?” (Mt 26,14). “Consegnare”il verbo usato da Matteo ha un duplice significato, per Giuda significa mettere Gesù nelle mani degli oppositori; per Gesù significa mettere se stesso nelle mani dei nemici per realizzare in toto la volontà del Padre. Consegnandosi egli cancella ogni fermento di odio e di morte. La sua debolezza mortale diventa sorgente di vita. Giuda cova nel suo cuore il tradimento da molto prima del suo metterlo in atto. C’èuna lontananza dal Signore che diventa il terreno sul quale mettono radici il tradimento e la diffidenza. Una volta presa dimora la pianta maligna si sviluppa mascherando i suoi rami con ragionamenti di sano realismo. E’ possibile sentirsi nel giusto e, intanto, fare spazio al male e cooperare con esso. Giuda non è un mostro, è uno dei Dodici, ha vissuto con Gesù. Eppure ha fatto del suo cuore la casa del risentimento. Gesù ha trattato Giuda da amico. Però nei suoi inviti a seguirlo ne rispettava la libertà. Alla fine il discepolo, anche se pare pentirsi, cade nella disperazione, a differenza di Pietro che tradisce, si pente e torna alla fiducia in Dio. Giuda non muore mai. Capita spesso ai più vicini di rinnegare l’amore, di vendere Cristo per poche briciole. E il tradimento dei prediletti è sempre il più doloroso.

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: