Commento al Vangelo del giorno: 7 maggio 2021 – Amare coi fatti e nella verità

Il Vangelo di oggi: Vangelo Gv 15.12-17

Gesuu-e-i-discepoli

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi. Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri».

Contemplo:

Dio come Gesù
Gesù non fa disquisizioni teologiche per descrivere com’è Dio, ma dice invece che le nostre caratteristiche naturali sono simili, che la possibilità di amare è la stessa, che anche noi possiamo essere come lui: basta entrare in un rapporto da figlio a genitore, e non da suddito a potente. Gesù non mostra soltanto qualche parvenza divina, ma Dio in pienezza. Il Vangelo infatti non descrive Gesù come Dio, ma Dio come Gesù. La differenza, in concreto, è più radicale di quanto possa apparire, e le conseguenze sono significative. Se Dio è come Gesù, allora cadono tutte le speculazioni astratte, perché le uniche caratteristiche divine indiscutibili diventano quelle che Gesù esprime.

Commento al Vangelo del giorno:

Gesù ci parla del suo comandamento e ci ripete l’invito a chiedere nel suo nome, invito che nel tempo pasquale torna più volte. Nella preghiera chiediamogli di aiutarci a vivere l’amore vicendevole, riconoscendoci suoi amici, rallegrandoci per questo dono. Il suo amore è fedele, il suo dono irrevocabile! L’amore di cui parla Gesù è quello che ha conosciuto lui per primo, venendo dal Padre. Il Padre è l’amante che ama l’amato, il Figlio, con amore santo ed eterno, lo Spirito. Il come indica la qualità dell’amore divino, mostrato fin sulla croce da Gesù. Quando guardiamo la croce contempliamo l’amore, rendendo grazie a lui che per amore nostro tutto si è donato. Anche noi, con la forza di questo grande amore, potremo diventare dono, amando coi fatti e nella verità.

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker