Commento al Vangelo del giorno: Lunedì 20 Giugno – Amare più che criticare

Il Vangelo di oggi: Mt 7,1-5

giudicare-gli-altri

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non giudicate, per non essere giudicati; perché con il giudizio con il quale giudicate sarete giudicati voi e con la misura con la quale misurate sarà misurato a voi. Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? O come dirai al tuo fratello: “Lascia che tolga la pagliuzza dal tuo occhio”, mentre nel tuo occhio c’è la trave? Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello».

Contemplo:

Ascoltiamo il grido dei poveri:
Se Dio è dalla parte dei poveri e li predilige, anche noi figli di Dio, seguaci di Cristo, dobbiamo essere dalla parte dei poveri e prediligerli. Ascoltiamo il grido dei poveri, prestiamo loro la voce per esigere che siano trattati con la dignità dovuta ad ogni creatura umana, rispettando i loro diritti? Sono convinto che la sofferenza, accettata per amore di Cristo, mi rende profondamente solidale con il Maestro, che non c’è unione più intima con lui di quella dell’amore nel dolore? Siamo forse troppo deboli nella nostra fede, troppo fiacchi nel nostro amore per accogliere e vivere queste grandi proposte cristiane? Siamo convinti che Dio è fedele e non permette che siamo tentati oltre le nostre forze, ma con la tentazione ci dà anche la via d’uscita?

Commento al Vangelo del giorno:

Non giudicate”.
Il vangelo ci invita a vivere da persone sincere, capaci di vedere la nostra povertà prima ancora di scorgerla negli altri, rischiando di ergerci a giudici del prossimo. Proviamo a pensare, quante volte in una sola giornata, abbiamo imprigionato i nostri fratelli in un giudizio senza perdono. Noi preferiamo condannare. Gesù invece ci invita a far nascere nel cuore e sulle labbra la lode per chi ci sta accanto. Perché andare in cerca di travi e pagliuzze e accanirsi sulla fragilità degli altri? Proviamo a rispondere alla chiamata del Signore a vivere in semplicità le relazioni, cercando di comprendere più che giudicare, di amare più che criticare; e lodiamo il Padre per ogni fratello con cui condividiamo un pezzo di strada, riconoscendo in lui ciò che di bene e di buono c’è.

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker