Vangelo di oggi

Commento al Vangelo del giorno: Martedì 19 ottobre 2021 – Sentire il suo bussare e aprirgli la porta

Il Vangelo di oggi: Lc 12,35-38

 

bussare alla portaIn quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Siate pronti, con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese; siate simili a quelli che aspettano il loro padrone quando torna dalle nozze, in modo che, quando arriva e bussa, gli aprano subito. Beati quei servi che il padrone al suo ritorno troverà ancora svegli; in verità io vi dico, si stringerà le vesti ai fianchi, li farà mettere a tavola e passerà a servirli. E se, giungendo nel mezzo della notte o prima dell’alba, li troverà così, beati loro!».

Contemplo:

Io sono colui che offre
Io sono colui che offre. Unisci alla mia offerta al Padre tutte le gioie umane, in omaggio di lode: gioie dell’amicizia, gioie del riposo, gioie del lavoro compiuto, gioie soprattutto dell’intimità con me e della dedizione al mio servizio attraverso il prossimo. Offrimi l’oro di tutti gli atti di carità, di bontà, di benevolenza, di dedizione che vengono compiuti in un modo o nell’altro su questa terra. Offrimi la mirra di tutte le sofferenze umane, sofferenze dello spirito, sofferenze del corpo e del cuore, dei prigionieri, degli agonizzanti, degli abbandonati. Chiedi aiuto dolcemente, con pacatezza, con amore, per tutti coloro che soffrono e valorizzerai i loro dolori unendoli ai miei, ottenendo per essi grazie di sollievo e di conforto.

Commento al Vangelo del giorno:

“Beati quei servi che il padrone al suo ritorno troverà ancora svegli; in verità io vi dico, si stringerà le vesti ai fianchi, li farà mettere a tavola e passerà a servirli.”
La beatitudine del restare svegli, dell’attendere il ritorno del padrone nella notte in modo da aprirgli subito la porta appena arriva e bussa, determina un cambio di prospettiva del tutto inaspettato. Non saranno i servi a prendersi cura del padrone: al contrario sarà proprio lui a fare quanto spetterebbe solo a noi, suoi servi. Questo rovesciamento di prospettiva evidenzia la benevola tenerezza del volto di Dio, che emerge in tutta la rivelazione evangelica. Pietro stesso si scandalizzerà quando il Signore Gesù vorrà lavargli i piedi….. Ancora più sorprendente pensare che quanto descritto nella parabola non riguarda solo il momento del ritorno del Signore, ma è lo stile del suo continuo venire dentro la nostra storia quotidiana. E’ sempre possibile sentire il suo bussare e aprirgli la porta, per fare esperienza della sua presenza salvifica.

   

il Podcast di don Luciano