Commento al Vangelo del giorno: Sabato 26 Febbraio 2022

Il Vangelo di oggi: Mc 10,13-16

bambino

In quel tempo, presentavano a Gesù dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono. Gesù, al vedere questo, s’indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio.
In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso». E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, ponendo le mani su di loro.

Medita:

La predilezione di Gesù per i bambini non è certo invito al sentimentalismo o alla tenerezza semi-materna, tutta baci e carezze. Piuttosto appello a contemplare quel Dio che si serve ciò che è debole per confondere i forti, facendo del bambino il segno sacramentale dell’appartenenza al regno.
Il piccolo non è esaltato per le sue qualità (innocenza, ingenuità…) ma per l’assenza di qualità, per la precarietà delle forze, la totale dipendenza dagli adulti…..In una parola, per la sua povertà.
Questa condizione naturale diventa emblema della condizione di fede richiesta a noi credenti, del nostro aver bisogno di aiuto da parte di Dio e dell’essere disposti ad accettarlo.
Nella consapevolezza che non siamo ancora cresciuti, ma in cammino verso la maturità di Cristo.

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker