Commento al Vangelo del giorno: Venerdì 30 Settembre – Disprezzare: quale significato?

Il Vangelo di oggi: Lc 10,13-16

In quel tempo, Gesù disse: «Guai a te, Corazìn, guai a te, Betsàida!
Perché, se a Tiro e a Sidòne fossero avvenuti i prodigi che avvennero in mezzo a voi, già da tempo, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite.
Ebbene, nel giudizio, Tiro e Sidòne saranno trattate meno duramente di voi. E tu, Cafàrnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai! Chi ascolta voi ascolta me, chi disprezza voi disprezza me. E chi disprezza me, disprezza colui che mi ha mandato».

Contemplo

Con la speranza dell’eternità
Noi ti preghiamo, o Madre della speranza e della pazienza: chiedi al tuo Figlio che abbia misericordia di noi e ci venga a cercare sulla strada delle nostre fughe e impazienze, come ha fatto con i discepoli di Emmaus.
Chiedi che ancora una volta la sua parola riscaldi il nostro cuore (cfr. Lc 24,32).
Intercedi per noi affinchè viviamo nel tempo con la speranza dell’eternità, con la certezza che il disegno di Dio sul mondo si compirà a suo tempo e noi potremo contemplare con gioia la gloria del Risorto, gloria che già è presente, pur se in maniera velata, nel mistero della storia.

Commento al Vangelo del giorno:

“…..Chi ascolta voi ascolta me, chi disprezza voi disprezza me. E chi disprezza me, disprezza colui che mi ha mandato….”
Disprezzare: un verbo che Gesù usa ben quattro volte in un solo versetto. Qual è il significato? Dichiarare nullo, venir meno alla parola data, o ancora ricusare il proprio assenso.
Disprezzare vuol dire vanificare la volontà salvifica di Dio con la durezza di un cuore chiuso. E’ dire no a Dio, invalidando così nella nostra vita la salvezza donata da Gesù.
Il contrario del disprezzo è l’ascolto. Però i desideri troppo umani che a volte albergano nel nostro cuore rischiano di farci ritenere Dio indegno di stima e considerazione.
Sappiamo, invece che la sua volontà, che è sempre una volontà d’amore, anche quando cozza con i nostri desideri, va sempre ascoltata, perché solo Dio può liberarci dai cosiddetti desideri della carne e renderci aperti all’opera santificatrice del suo santo Spirito.

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker