È tremenda l’esigenza di Dio

fuoco-dautunno-a31152408

È tremenda l’esigenza di Dio: l’uomo è salvo proprio quando è ridotto al nulla, quando non può più far nulla per salvarsi da sé. Questo chiede Dio all’anima che vuole essere salva, che vuole essere redenta: la fede nell’impossibile, come diceva Charles de Foucauld. Chiede una fede che esige non soltanto l’abban­dono, ma un abbandono sereno, umile e pieno.  L’uomo di fronte all’estrema minaccia non deve temere. «Torna, anima mia, nella tua tranquillità», dice il salmo. Riposare nelle braccia di Dio come un bambino appena nato. Cadono, crollano per te tutti gli appoggi: proprio allora viene la salvezza divina, non temere. La salvezza divina rimane sem­pre un miracolo e il compimento di questo miracolo non ha che una condizione: la fede. Non devi far nulla. Devi abbandonarti; devi precipitare in Dio come nel vuoto: null’altro il Signore ti chiede.