Il cespuglio spinoso

Adamello-Lago-di-San-Giuliano-a31442231

Era cresciuto sui fianchi del monte e si era ine­briato di aria e di sole. Ma dopo i primi tempi in cui era un germoglio verde tenero, i suoi ra­metti contorti e sgraziati si erano coperti di spine sgradevoli e appuntite. Era detestato dagli uccelli e dalle pecore, alle quali senza volerlo strappava bioccoli di lana quando lo sfioravano. Perfino le capre, che non sono schizzinose e brucherebbero anche le pietre, lo evitavano. Gli altri cespugli e gli arbusti sfoggiavano fiori e foglie e taluni perfino dei frutti. Il povero ce­spuglio spinoso produceva solo spine. Il vento della sera gli portava il disprezzo e la derisione delle altre piante. Ma quando Dio volle parlare con Mosè, scelse l’umile cespuglio spinoso sui fianchi della montagna. E il cespuglio divenne il trono di Dio, splendente più del sole, ardente di bagliore e di fuoco come se ognuna delle sue spine si fosse trasformata in una pietra preziosa dai mille riflessi di luce purissima.

                                                   Bruno Ferrero