Vangelo di oggi

Il vangelo del giorno – 18 Maggio – lo ho vinto il mondo!

Il Vangelo di oggi: Gv 16,29-33

In quel tempo, dissero i discepoli a Gesù: «Ecco, ora parli apertamente e non più in modo velato. Ora sappiamo che tu sai tutto e non hai bisogno che alcuno t’interroghi. Per questo crediamo che sei uscito da Dio ». Rispose loro Gesù: «Adesso credete? Ecco, viene l’ora, anzi è già venuta, in cui vi disperderete ciascuno per conto suo e mi lascerete solo; ma io non sono solo, perché il Padre è con me. Vi ho detto questo perché abbiate pace in me. Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!».

Commento al Vangelo di oggi: lo ho vinto il mondo!

Cantiamo nel Salmo: «Oracolo del Signore al mio signore: Siedi alla mia destra finché io ponga i tuoi nemici a sgabello dei tuoi piedi» (Sal 109) e diciamo nel Credo: «È salito al cielo, siede alla destra del Padre». Gesù ha vinto il mondo: «È lui che ha fatto il mondo e tutto ciò che contiene, né dalle mani dell’uomo si lascia servire come se avesse bisogno di qualche cosa. Ha stabilito l’ordine dei tempi e i confini del loro spazio, ma non è mai lontano da ciascuno di noi» (cf At 17,24 ss).

io ho vinto il mondoA volte ci sembra proprio di capire tutto di Gesù, come se tra noi e Lui non ci fossero più enigmi o rebus da risolvere. La stessa contentezza l’hanno vissuta i discepoli, i quali dissero a Gesù: “Ecco, adesso parli chiaramente e non fai più uso di similitudini”. Ma Gesù ci supera sempre e ci chiede fiducia, scrivendo nella nostra storia quello che noi non concepiremmo mai. Anche per Maria è stato così. La vita di Maria si svolge sotto il segno del transitorio e del contingente, e sotto il segno eterno di Dio. Maria conosce le cose ordinarie della vita di ogni giorno e sperimenta la monotonia del loro ripetersi continuo; sa cosa vuol dire la preoccupazione del pane, i disagi e le ansietà della fuga e della permanenza in una terra straniera, del viaggio di ritorno; le incomprensioni dei vicini, il dolore e lo sconforto della vedovanza. La sua vita, come la nostra, ha una buona dose di sofferenze e di lacrime, un mazzolino modesto di gioie, qualche ora di felicità, un gran numero di ore grigie e monotone, delle ore di grande sofferenza, ma sempre chieste nella fiducia. Le sue ore scritte nella fiducia sono quelle che ci hanno portato alla Salvezza.

   

il Podcast di don Luciano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *