Vangelo di oggi

IL VANGELO DEL GIORNO – domenica 11 GIUGNO

Gv 6,51-58 La mia carne è vero cibo e il mio sangue vera be- vanda.

In quel tempo, Gesù disse alla folla: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo». Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?». Gesù disse loro «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha man- dato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno».

Parola del Signore

Contemplo

Noi rimaniamo spettatori di fronte al donar- si del Figlio di Dio! Saliamo, insieme a lui, al piano superiore della casa ed entriamo, in punta di piedi, in quella sala preparata con cura, prendendo posto accanto ai discepoli. Qui Egli consuma la sua offerta al Padre per la nostra salvezza, rivelandoci la concretezza e la profondità del suo amore per noi. Il dono totale della sua vita nel pane e nel vino ab- braccia tutta la nostra realtà umana, coinvolgendoci nella medesima offerta al Padre. Nel suo “Eccomi” anche la nostra esistenza, povera e fragile, diviene un “si” generoso e totale a Dio e all’umanità, principio di vita e di fecondità per tutti.

Commento al Vangelo di oggi

Gesù sottolinea che non è venuto in questo mondo per dare qualcosa, ma per dare sé stesso, la sua vita, come nutrimento per quanti hanno fede in Lui. Questa nostra comunione con il Signore impegna noi, suoi discepoli, ad imitarlo, facendo della no- stra esistenza, con i nostri atteggiamenti, un pane spezzato per gli altri, come il Maestro ha spezzato il pane che è realmente la sua carne. Per noi, inve- ce, sono i comportamenti generosi verso il prossimo che dimostrano l’atteggiamento di spezzare la vita per gli altri. Ogni volta che partecipiamo alla Santa Messa e ci nutriamo del Corpo di Cristo, la presenza di Gesù e dello Spirito Santo in noi agisce, plasma il nostro cuore, ci comunica atteggiamenti interiori che si traducono in comportamenti secondo il Vangelo. Anzitutto la docilità alla Paro- la di Dio, poi la fraternità tra di noi, il coraggio della testimonianza cristiana, la fantasia della carità, la capacità di dare speranza agli sfiduciati, di accogliere gli esclusi. In questo modo l’Eucaristia fa maturare uno stile di vita cristiano. La Carità di Cristo, accolta con cuore aperto ci cambia, ci trasforma, ci rende capaci di amare non secondo la misura umana, sempre limitata, ma secondo la misura di Dio. E qual è la misura di Dio? Senza misura! La misura di Dio è senza misura. Tutto! Tutto! Tutto! Non si può misurare l’amore di Dio: è senza misura. E allora diventiamo capaci di amare anche chi non ci ama: e questo non è facile.

   

il Podcast di don Luciano