Vangelo di oggi

Il Vangelo del giorno – Venerdì 5 gennaio

Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù volle partire per la Galilea; trovò Filippo e gli disse: «Seguimi!». Filippo era di Betsàida, la città di Andrea e di Pietro. Filippo trovò Natanaèle e gli disse: «Abbiamo trovato colui del quale hanno scritto Mosè, nella Legge, e i Profeti: Gesù, il figlio di Giuseppe, di Nàzaret». Natanaèle gli disse: «Da Nàzaret può venire qualcosa di buono?».
Filippo gli rispose: «Vieni e vedi». Gesù intanto, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c’è falsità».
Natanaèle gli domandò: «Come mi conosci?». Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto l’albero di fichi». Gli replicò Natanaèle: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele!». Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto l’albero di fichi, tu credi? Vedrai cose più grandi di queste!».
Poi gli disse: «In verità, in verità io vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell’uomo».

Parola del Signore

Commento

«Il giorno dopo Gesù aveva stabilito di partire per la Galilea; incontrò Filippo e gli disse: “Seguimi”».
Come si incontra Cristo? Sembra che il Vangelo di oggi risponda a questa domanda. Cristo lo si incontra attraverso un intreccio di relazioni che in modo diretto o indiretto alla fine ci portano fino a Lui: «Il giorno seguente, Gesù volle partire per la Galilea; trovò Filippo, e gli disse: “Seguimi”.
Filippo era di Betsàida, della città di Andrea e di Pietro. Filippo trovò Natanaele e gli disse: “Abbiamo trovato colui del quale hanno scritto Mosè nella legge e i profeti: Gesù da Nazareth, figlio di Giuseppe”. Natanaele gli disse: “Può forse venir qualcosa di buono da Nazareth?” Filippo gli rispose: “Vieni a vedere”».
Certamente non il “vedere” di cui parla il Vangelo non è lo stesso “vedere” che ci propone, ad esempio, il mondo del marketing, il quale crea prima il bisogno e poi ti condiziona a seguirlo. No, Gesù non si svende in questo modo. Gesù, molto più seriamente, dice: vieni, cioè fidati! Poi vedrai… La fiducia non parte da un vedere ma da un sentire profondo. Per questo Natanaele in prima battuta non si fida: «Può mai venire qualcosa di buono da Nazareth?».
Ha la logica del provare per credere. Il Messia non può venire da Nazareth.
Non è scritto da nessuna parte. Ma con Gesù non funziona così. Gesù non si studia a tavolino, a Gesù non si pongono condizioni. Con Gesù ti devi fidare. Solo la fiducia ti darà quello che cerchi, altrimenti continuerai a cercarlo all’infinito, ma senza mai trovarlo.

 

   

il Podcast di don Luciano