Dio nella vita di oggiUn mese con Maria

La fatica di credere

la fatica di credere

Maria ci fa memoria che un itinerario di fede, quale è stato il suo, non esclude il dubbio, l’oscurità, la non-comprensione, ossia la fatica di credere.
Maria, soprattutto, ci costringe a prendere atto che la santità non è un lusso che si possono concedere unicamente certe creature straordinarie, ma costituisce la condizione normale del cristiano. La santità, per un cristiano, è la normalità, non l’eccezione.

Ogni battezzato riceve la vocazione alla santità, anche se poi, in seguito, fa di tutto per diventare sordo a quell’appello. Maria, nuova Eva, è donna, pienamente donna. E, in quanto donna, secondo un’immagine abusata, tentatrice (io ritengo, invece, che la donna, se veramente donna, è tentatrice in direzione dell’umanizzazione dell’uomo). La sua, tuttavia, è la tentazione o, se preferiamo, la provocazione della santità.”Santa Maria, prega per noi”: ottienici il coraggio di non fuggire dinanzi a una santità vicina, alla nostra portata.
“Santa Maria, prega per noi”: tu che sei stata immunizzata dal peccato e hai accettato il “contagio” della grazia, fa’ che accettiamo il rischio di venire contagiati inguaribilmente dalla santità.

   

il Podcast di don Luciano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *