L’uomo è inquieto

L’uomo è inquieto. Nulla lo può saziare. Nulla di ciò che ha dei limiti, fosse pure l’intero universo sino alle stelle più remote. Più ottiene, più cresce la sua inquietudine. Non trova riposo. Il suo cuore è fatto per l’infinito, per un amore senza limiti. La repres­sione di questo desiderio d’infinito che spiega quasi tutte le crisi del mondo d’oggi. La morte è anche quel che rende seria la vita, che trasforma la vita in enigma, che fa germinare in essa, a dispetto di tutto, la pre­senza dell’infinito. Anche in una società pacificata gli uomini avranno bisogno di Dio, perché tanto la vita come la morte aspi­rano all’eternità. La vita nella sua pienezza e la morte nella sua austerità si uniscono per additare l’incognito… Dio apre le porte dell’infinito al finito rende l’enigma risposta certa ad ogni umana aspettativa.

Aiutaci, scopri come

Atenagora

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *