Parla che il tuo servo ti ascolta!

Signore, tu mi hai comprato davvero a caro prezzo; mi hai reso membro del tuo corpo e tempio del tuo Spirito.
Aiutami a fermarmi presso di te, a non temere il silenzio della contemplazione, quel silenzio che mi permette di fare un’esperienza profonda della tua amicizia per me. Fa che io possa conoscerti non per sentito dire, ma per averti veramente incontrato e che la tua grazia mi coinvolga totalmente e rinnovi ogni fibra del mio essere, poiché voglio dimorare con te. Solo così potrò diventare un tuo testimone e regalare ai miei fratelli il tesoro prezioso della fede in te. Mi riconosco facilmente in Pietro, restio a riconoscerti come suo Maestro e Signore, ma voglio diventare sempre più simile al discepolo amato e trovare nel mio cuore la disponibilità e l’entusiasmo con il quale Samuele rispose alla tua chiamata. Come lui voglio anch’io poterti rispondere: “Parla che il tuo servo ti ascolta!”

Advertisements
Advertisements

(don Luciano)