Secondo la mia pochezza

felicita-1024x1024[1]

Che la Madonna ci aiuti a vivere tutta la vita «im­mersi nel grande mistero che anima tutto il creato». Se oggi non vivo immerso, secondo la mia pochezza, in questo grande mistero, non vivo il creato e la mia vita si rattrappisce. Noi viviamo troppo rattrappiti. La Madonn neri questa nostra vita un po’ più secondo la si sura. Il mistero esalta l’attimo, l’Eterno predi. frammento. Il frammento del nostro stare sedo« in macchina per andare a casa, del nostro spazzare via dalla tovaglia quel che c’è sopra per pulire il tavolo, non è più frammento, ma totalità. La Madonna ci fac­cia più a sua misura, dilati di più il nostro cuore se­condo la sua misura, lei che ha vissuto tutta la vita «immersa nel grande mistero che illumina tutto il crea­to» e che predilige il frammento. Non c’è più differenza fra la totalità e il frammento se non quella di un ab­braccio in cui il frammento acquista il fremito e il pal­pito dell’Eterno, del totale.

Luigi Giussani

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.