Il canto di Ulisse: anche Auschwitz non può uccidere l’anima