Un’anima di tutti i giorni

Darwinismo-pecoreccio-a30861607

«C’è qualcosa di peggio che avere un’anima cattiva e anche farsi un’anima cattiva: è avere un’anima bell’e fatta. C’è qualche cosa di peggio che avere un’anima perversa: è avere un’anima di tutti i giorni» (Charles Péguy).

Mi interrogo su cosa voglia dire avere “un’anima di tutti i gior­ni”. Non significa certamente rifiutarsi — come dice A. Sofri — di «timbrare il cartellino dei giorni feriali». Probabilmente Péguy intendeva un’anima banale, sciatta, scialba, trasandata, dozzinale, poco curata, persino volgare, che induce a comportamenti, gesti e azioni… senz’anima.

Forse potrebbe interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *