Le ali della farfalla

mondo-a-strati-8130ed52-468c-4f79-9523-4a296c608262[1]
Che cosa diventa un presuntuoso, spogliato della sua presunzione? Provate a levare le ali a una farfalla: non resterà che un verme. D’estate è sempre affascinante seguire il volo delle farfalle con le loro ali arabescate.  Questo delizioso lepidottero è il simbolo del presuntuoso che si pavoneggia nella sua vanagloria, volteggiando in mezzo agli altri che apparentemente lo ammirano. Ma, togliete le ali alla sua boria altezzosa, ed eccolo ridotto a un verme, come appunto accade alla farfalla privata del suo ornamento più attraente. Se vogliamo stare ancora nel simbolismo animale, è curiosa un’altra considerazione destinata al presuntuoso da una scrittrice inglese dell’Ottocento nota con lo pseudonimo maschile di George Eliot: «È come un gallo convinto che il sole sorga per ascoltarlo cantare». Superbia e vanità s’intrecciano e lambiscono un po’ tutti, senza mai avvertirci che in agguato c’è il ridicolo. Se non saremo umili — ammoniva, infatti, un altro autore francese, Julien Green — Dio farà di noi degli umiliati. Vermi senza ali, appunto.

Forse potrebbe interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *