Amore e odio

Solo-e-abbandonato-a28422792

Advertisements

Non v’è nulla al mondo dolce come l’amore.

E, dopo l’amore, la cosa più dolce è l’odio. E un passo tratto dall’antologia del poeta statunitense Henry W. Longfellow (1807-1882).  Sono parole a prima vista sconcertanti, eppure tutti dobbiamo riconoscere che hanno una loro cupa verità, nonostante l’apparente contraddittorietà. Può, infatti, un identico effetto nascere da due sorgenti antitetiche? Questo accade proprio con l’amore e l’odio. Quando si è innamorati o amati, è un piacere assaporare goccia per goccia i gesti, le parole, i ricordi dell’amore. Ma è altrettanto vero che, quando si odia qualcuno, è fonte di sottile godimento distillare la velenosa dolcezza del male che si augura all’altro o recriminare per ogni particella di odio che l’altro ti ha scagliato addosso. Questa esperienza non di rado ha un corollario particolare che può spiegare parzialmente la stessa esperienza di base: il confine tra amore e odio non è così ferreo come a prima vista appare. Ci sono amori appassionati che insensibilmente si trasformano in odi insanabili: mi viene in mente il terribile racconto La sonata a Kreutzer di Tolstoj (1889-90) ove l’amore si tramuta in gelosia e la gelosia in odio e l’odio in delitto, in modo progressivo e costante. Per questo non ci si deve mai stancare di vegliare su se stessi, sulla volontà, sulle passioni, nella consapevolezza della propria fragilità e debolezza morale

Advertisements

Mons. Ravasi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *