Commento al Vangelo del giorno: 15 ottobre 2020 – Un’impronta d’amore stampata in ogni creatura

Il Vangelo di oggi: Lc 11,47-54

improntaIn quel tempo, il Signore disse: «Guai a voi, che costruite i sepolcri dei profeti, e i vostri padri li hanno uccisi. Così voi testimoniate e approvate le opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite. Per questo la sapienza di Dio ha detto: “Manderò loro profeti e apostoli ed essi li uccideranno e perseguiteranno”, perché a questa generazione sia chiesto conto del sangue di tutti i profeti, versato fin dall’inizio del mondo: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccarìa, che fu ucciso tra l’altare e il santuario. Sì, io vi dico, ne sarà chiesto conto a questa generazione. Guai a voi, dottori della Legge, che avete portato via la chiave della conoscenza; voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare voi l’avete impedito». Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo in modo ostile e a farlo parlare su molti argomenti, tendendogli insidie, per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca.

Contemplo:

Purifica il nostro cuore:
O Signore, purifica il nostro cuore e la nostra vita da ogni chiusura e da ogni risorgente tentazione di affermare noi stessi, anche a costo di non riconoscere e non rispettare la dignità e la vita dell’altro. Con il dono del tuo Spirito, apri la nostra libertà all’amore che sa farsi dono senza riserve e trasformarci a immagine di Gesù, che sulla croce si dona liberamente per dare la vita ai fratelli. Illuminati da te, o Signore, che sei luce del mondo, fa che sappiamo scorgere il riflesso dello splendore del tuo volto sul volto di ogni uomo e ogni donna: sul piccolo volto triste di chi è colpito dalla malattia e dal dolore, dalla solitudine e dall’emarginazione. O Dio, amante della vita, infondi la tua grazia in quanti spendono ogni giorno le loro energie al servizio del fratello.

Commento al Vangelo del giorno:

Benedetto il Signore Dio che ci ha benedetti scegliendoci come figli, riassumendoci in Cristo, il Figlio Amato. Gridiamo, esultiamo, battiamo le mani, danziamo e cantiamo al nostro Dio che vede al di là delle nostre miserie e piccolezze, conosce la vera misura del nostro cuore e in ciascun uomo egli legge, come in uno specchio, il Volto Amato del suo Figlio Gesù. Un’impronta d’amore assoluto è stampata in ogni creatura, l’impronta di una bellezza incomparabile. Puzzle di Dio è il creato e sarà ricomposto solo grazie all’amore che unisce ogni tessera alle altre fino a formare, alla fine dei tempi, il volto amato ed amante di Cristo Gesù.