Commento al Vangelo del giorno: 25 Gennaio 2021 – La luce di Cristo …

Il Vangelo di oggi: Mc 16,15-18

PROCLAMARE IL VANGELOIn quel tempo, Gesù apparve agli Undici e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno».

Contemplo:

Nemmeno lui ama il dolore:
Sono tanto contento di sapere che neppure Dio ama il dolore. Se lo amasse avrei avuto difficoltà a credere in Dio. Così mi sembra più facile. Anche a lui fa male veder patire la fame, veder soffrire in qualsiasi modo. In modo particolare lo disgustano quelli che fanno soffrire e quelli che, potendo, non alleviano le sofferenze del prossimo. Così anche per Dio sono dei mostri quelli che trovano i piaceri nelle sofferenze, mentre è naturale godere quando la sofferenza se ne va. Ecco perché non si meraviglia quando noi imploriamo che ci liberi da una croce e non ci prenderà per matti se noi insistiamo a chiedere per tanto tempo, quando non ci ascolta. Così non si meraviglierà se noi non riusciamo a penetrare il mistero del dolore. E’ rimasto tale anche per lui nello stesso Vangelo, perché il Padre non ha risposto al grido: “Mio Dio, perché mi hai abbandonato?”

Commento al Vangelo del giorno:

“Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato.”
Mentre il cuore di Paolo fremeva interiormente contro gli uomini e le donne cristiane del suo tempo perseguitandoli a morte, improvvisamente è stato raggiunto dalla luce di Cristo; è a partire dalla condizione di uomo immerso nelle tenebre dell’errore e del peccato che il Cristo incontra Paolo. Inaspettatamente Dio interviene nella storia degli uomini. L’agire di Dio, infatti non è programmabile ma è frutto della sua libera divina iniziativa. Impariamo a riconoscere nelle vicissitudini quotidiane, inattese, l’intervento di Dio, lasciandoci trasformare da lui sapendo che egli, nel suo amore di Padre, ci sceglie nonostante il nostro peccato. Illuminati interiormente dalla luce di Cristo, come l’apostolo delle genti, lasciamoci guidare per mano dai nostri fratelli nella fede sulla via della verità.

L’audio commento di don Luciano:

Forse potrebbe interessarti: