Commento al Vangelo del giorno: Martedì 5 ottobre 2021 – La parte migliore

Il Vangelo di oggi: Lc 10,38-42

In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò. Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi. Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».

Contemplo:

Signore Iddio vivo e vero
Per Francesco, Cristo è talmente uomo e Dio che non separa mai l’umano dal divino. Vede sempre un’unica persona vivente, l’uomo-Dio nel quale e con il quale il Padre e lo Spirito Santo operano. Per Francesco il mistero della salvezza è opera dell’amore trinitario. Per lui la vivente Trinità è creatrice e redentrice: è un permanente atto di creazione e redenzione. Ogni persona divina è all’opera per la salvezza dell’uomo e dell’umanità. Gesù Cristo è proprio il “Signore Iddio vivo e vero”. L’immagine di Cristo non è mai schiacciante o spaventosa; il Signore non viene mai contemplato esclusivamente nel suo divino splendore, ma pure nella sua povera, umile e sofferente esistenza umana.

Commento al Vangelo del giorno:

….«Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta». La parte migliore scelta da Maria, sorella di Marta, è per tutti! Consiste nel riconoscere il primato alla presenza del Signore. Maria è l’immagine di ogni discepolo, dedito anzitutto all’ascolto della Parola di Gesù. E’ questa la dimensione essenziale di ogni vera esperienza di fede. A cosa serve il fare e l’affannarsi come Marta? E’ certo giusto e necessario darsi da fare. ma quando questo diventa un modo per affermare se stessi, o trasforma una giusta occupazione in una rincorsa ansiosa di prestazioni che sottraggono tempo ed energia all’ascolto della Parola, a che giova? Gesù in Marta rimprovera tutti i cristiani che s’identificano nel fare, al punto di perdere la capacità di accogliere e di servire. Una mancanza che diventa perfino pretesa di insegnare al Maestro ciò che dovrebbe dire e fare….

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker