Commento al Vangelo del giorno: mercoledì 09 Novembre – Essere tempio di Dio

Il Vangelo di oggi: Gv 2,13-22

gesu-scaccia-i-mercanti-dal-tempioSi avvicinava la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme.
Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete. Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!».
I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: «Lo zelo per la tua casa mi divorerà». Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?».
Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». Gli dissero allora i Giudei: «Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?». Ma egli parlava del tempio del suo corpo.
Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù.

Contemplo: Via Crucis

Gesù non dice solo che la sua vita passerà sotto il fuoco incandescente della via crucis, ma apre anche l’orizzonte alla luce della risurrezione.
La risurrezione del corpo è sicuramente la novità più straordinaria introdotta dal cristianesimo e non può essere taciuta.
Certo, la croce è più facilmente comprensibile perché la sofferenza che attraversiamo nella vita ce ne dà più chiara evidenza.
Se l’annuncio di Gesù avesse riguardato solo la croce, in realtà non sarebbe stato di nessun significato salvifico.
Gesù sarebbe stato solo un martire.
Non il Salvatore. La differenza, evidentemente, è assolutamente incolmabile.

Commento al Vangelo del giorno:

“….Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?. Ma egli parlava del tempio del suo corpo….”
La casa del Padre non può essere un mercato di piazza.
Come stiamo in questo luogo di incontro dice che tipo di rapporto abbiamo con Dio.
A volte secondo logiche economiche ormai pervasive e non nella gratuità.
Gli edifici sacri sono segno nel mondo della presenza di Dio.
Di più: richiamo per i cristiani ad edificare la Chiesa popolo di Dio perché sia luogo di carità e verità, dove rendere grazie al Signore.
La dedicazione della Basilica Lateranense, madre di tutte le chiese, cattedra del vescovo di Roma, il papa, ci ricorda che ogni battezzato è parte del corpo di Cristo, è consacrato nello Spirito per dedicare la propria vita al Padre, per essere tempio di Dio.

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker