Approfondimenti

I desideri della carne

Un fratello interrogò abba Agatone riguardo alla fornicazione. Quello gli disse: «Va’, getta davanti a Dio la tua incapacità e avrai pace».

— Apo 103 [Alf, Agatone 21] .

Anche i monaci del deserto avvertivano la propria sessualità. Non erano però influenzati dalla timorosa morale sessuale che ha segnato molti cristiani fino a tempi recenti. Non erano ossessionati dalla propria sessualità, non la rimuovevano né la reprimevano. Sapevano che gli istinti sessuali tornano sempre a risvegliarsi e anche che corriamo il rischio di venirne condizionati. La nostra fantasia immagina avventure galanti. In esse commettiamo in continuazione adulterio e desideriamo partner più attraenti. Molti cristiani rimangono terrorizzati da tali fantasie e hanno subito una pessima opinione di se stessi. Tentano di reprimere la loro sessualità. Ma ciò li porta a pensarci di continuo e a esserne ossessionati. Di conseguenza vogliono poi ficcare il naso nelle debolezze sessuali degli altri. Abba Agatone ci indica un’altra strada. Dobbiamo semplicemente gettare davanti a Dio la nostra incapacità di tenere sotto controllo gli impulsi sessuali. In questo modo non ne verremo dominati. Non dobbiamo quindi rimproverarci di non riuscire a venire a capo della nostra sessualità. Non dobbiamo stringere i denti e credere di do­verla dominare completamente. Essa è parte di noi e tornerà sempre a risvegliarsi. Dobbiamo metterlo in conto. Ma non dobbiamo drammatizzare, bensì accettare questo dato di fatto e offrire a Dio la nostra incapacità. Questo ci donerà quiete, una quiete che può consistere nel mantenere la calma quando veniamo sottoposti a tentazioni sessuali, perchénon le fissiamo timorosi ma semplicemente le accettiamo davanti a Dio come parte della nostra esistenza. È anche possibile che la sessualità si plachi. Se non lottiamo continuamente contro di essa, darà tregua da sola. Questa è una via di liberazione. Da essa spira un senso di maggiore vastità e libertà che dai sentieri che ci indicavano le opere edificanti dell’inizio del secolo appena trascorso.

 (da “La via del deserto”)

 

   

il Podcast di don Luciano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *