Vangelo di oggi

Il vangelo del giorno – 22 Maggio – Tu lo sai che ti voglio bene

Il Vangelo di oggi: Gv 21,15-19

Igesu e pietron quel tempo, quando si fu manifestato ai discepoli ed essi ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro? ». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli». Gli disse di nuovo, per la seconda volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pascola le mie pecore».Gli disse per la terza volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse “Mi vuoi bene?”, e gli disse: «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecore. In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi».Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: «Seguimi»

Commento al Vangelo di oggi: Tu lo sai che ti voglio bene

Sant’Agostino, nel suo grande e ammirato Commento al Vangelo di Giovanni dice: «Pietro, che ha rinnegato ma era forte nell’amore, presuntuoso nel gloriarsi e umiliato quando ha rinnegato, purificato nel piangere e forte nel professare la fede, è stato coronato nel martirio e ha capito l’inesplicabile: chi ama Dio ama se stesso, e chi non ama Dio non ama se stesso». Gesù ha spiegato così il comandamento dell’amore: «Chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà» (Mt 10,39)

A conclusione del nostro tempo pasquale, leggiamo oggi lo splendido incontro tra Pietro e Gesù alla fine del vangelo di Giovanni. Il dialogo – conosciuto da molti – è straordinario e sigilla la definitiva amicizia tra Pietro e il suo Maestro. La lingua greca è piena di sottigliezza che la traduzione italiana in parte tradisce. In greco esistono tre modi per indicare l’amore: l’amore di attrazione, erotico, quello di amicizia e l’amore grande, quello ideale, quello legato all’esperienza di Dio. Gesù le prime due volte chiede a Pietro: «Mi ami di amore grande?» e Pietro risponde, sconsolato: «Ti amo di amore di amicizia». Povero Pietro! L’apostolo entusiasta, il focoso, l’irruento, quello disposto a morire per il Maestro, ha misurato il proprio fallimento, il proprio limite e non osa più esporsi, sbilanciarsi. Credeva di amare Gesù di un amore focoso e travolgente, ma nel cortile del Sinedrio una serva ha mostrato l’inconsistenza del suo amore… Per la terza volta Gesù parla. Questa volta è lui che abbassa il tiro e chiede a Pietro un amore di amicizia. Pietro tace, è rattristato, è stato Dio a dover abbassare le pretese, e risponde: «Cosa vuoi che ti dica, tu mi conosci, sei tu che misuri il mio amore! » Grande Pietro! A te il Signore ora chiede fedeltà, a te di occuparti dei fratelli, senza sogni smisurati, senza pretese, senza illusioni. Ora potrai davvero essere un buon pastore, non un giudice, perché cosciente del tuo limite…

   

il Podcast di don Luciano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *