Vangelo di oggi

Il Vangelo del giorno – Lunedì 12 febbraio

Vangelo di Marco 8, 11-13

In quel tempo, vennero i farisei e si misero a discutere con Gesù, chiedendogli un segno dal cielo, per metterlo alla prova. Ma egli sospirò profondamente e disse: «Perché questa generazione chiede un segno? In verità io vi dico: a questa generazione non sarà dato alcun segno». Li lasciò, risalì sulla barca e partì per l’altra riva.

Contemplo:

l perdono è il segno più visibile dell’amore del Padre, che Gesù ha voluto rivelare in tutta la sua vita. Non c’è pagina del Vangelo che possa essere sottratta a questo imperativo dell’amore che giunge fino al perdono. Perfino nel momento ultimo della sua esistenza terrena, mentre viene inchiodato sulla croce, Gesù ha parole di perdono: «Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno» (Lc 23,34). Niente di quanto un peccatore pentito pone dinanzi alla misericordia di Dio può rimanere senza l’abbraccio del suo perdono. È per questo motivo che nessuno di noi può porre condizioni alla misericordia; essa rimane sempre un atto di gratuità del Padre celeste, un amore incondizionato e immeritato. Non possiamo, pertanto, correre il rischio di opporci alla piena libertà dell’amore con cui Dio entra nella vita di ogni persona. La miseri- cordia è questa azione concreta dell’amore che, perdonando, trasforma e cambia la vita.
È così che si manifesta il suo mistero divino.

Commento al Vangelo di oggi:

O fariseo incontentabile, perché continui a chiedere segni? Non ti basta quello che ha fat­ to Gesù con pochi pani e pesci per una folla affamata? Chi chiede sempre senza mai fidarsi non arriverà mai ad accorgersi di essere amato da Dio. Ripiegato sulle proprie pretese, è come quello stolto cui si indica la luna e che afferma che non c’è, perché il suo sguardo è fisso sulla punta dei dito.

Abbandona il tuo scetticismo presuntuoso per accorgerti che la luna, anzi il sole, brilla per te! È il Signore che ti illumina, ti riscalda, che ti ha dato il segno più grande nella croce su cui ha donato la vita per te! È quel Dio che soffre e sospira per la nostra mancanza di fede, sembra lasciarci, ma non si rassegna, sempre pronto a scorgere crepe nel cuore di pietra per guarirlo dalla sua incredulità.

(Papa Francesco)

   

il Podcast di don Luciano