Vangelo di oggi

Il Vangelo del giorno – Venerdì 26 gennaio

Vangelo di Luca, 10, 1-9

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”.
Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”».

Parola del Signore

Commento

L’evangelizzazione e la via della salvezza sono sempre partecipate. Gesù poteva fare tutto da solo, ma ha voluto aver bisogno degli uomini. Dio è amore e l’amore è condivisione; anche in Paradiso non godremo la visione di Dio come un fatto personale, ma parteciperemo gli uni della gioia degli altri. Proprio quando la potenza di Dio si comunica attraverso poveri uomini, fallibili come noi, limitati come noi, allora è convincente.
Io ricevo la parola di Dio da un uomo che da quella parola si è fatto trasformare e ha cambiato vita: allora ecco che sento di potercela fare anch’io. La vita nuova è passata da Paolo a Timòteo e Tito, da questi poi a coloro che hanno accolto la loro predicazione e via via fino ai nostri tempi. Si capisce l’importanza dell’evangelizzazione che arriva fino a noi attraverso testimoni, attraverso vite cambiate e trasformate. Quando un uomo è totalmente preso da Dio, diventa allora un “catturatore” di anime; non tanto lui, quanto la grazia divina che opera in lui. Tocca a noi, allora, accendere la luce della divina presenza nei luoghi dove Dio ci ha posti.

   

il Podcast di don Luciano