Percorso di quaresima – ultimi giorni – giovedi

«Guarda come lo amava!» (Gv 11,36).

Per pregare
Signore Gesù, facci sentire il calore del tuo amore quando la fredda pietra della solitudine e della separazione fa della nostra vita un ricordo struggente. Le tue lacrime su di noi e per noi non siano lacrime di amarezza e di tristezza, ma un pianto di commozione in cui si manifesta la verità di un amore autenticamente ricevuto e offerto. Il tuo amico Lazzaro, prima di essere risvegliato dalla morte attraverso la potenza della tua parola che fa tremare le porte degli inferi, fu confortato dalle lacrime di commozione che lo rivelarono a tutti come l’amico senza il quale la vita diventa meno vita e la gioia si intristisce. Come Davide pianse su Gionata, così tu versasti lacrime per Lazzaro. Ti preghiamo di farci sentire quanto ci ami, così che valga la pena risorgere dalla morte. Kyrie eleison!

Per sperare
lasciarsi amarePossiamo attendere con fiducia il momento in cui, quando tutto sembra ormai perduto, le emozioni più profonde e autentiche del cuore sono in grado di rimettere in piedi e in cammino la speranza. Lo stupore dei Giudei dinanzi alle lacrime del Signore è il segno di come sia l’amore a fare da baluardo a ogni morte. Amare e lasciarsi amare è ciò che può togliere alla morte il suo pungiglione. Davanti al mistero della Pasqua e sotto la croce non ci resta che meditare con amore stupito quanto sia bello essere amati dal Signore… e lo siamo realmente!

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.