Quando l’uomo ha cominciato ad esistere?

tra-le-foglie-secche-ce12cb4b-1123-4cd1-8035-066741e41ae6

Quando l’uomo ha cominciato ad esistere cioè a diventare un essere veramente umano? Il Card. Ratzinger non ha dubbi:

L’argilla si è trasformata nell’uomo, nell’istante in cui un essere, per la prima volta, per quanto in forma ancora infini­tamente crepuscolare, ha potuto concepire la nozione di Dio. Il primo «tu» che, pur sempre appena balbet­tato, labbra umane hanno rivolto a Dio individua il mo­mento in cui la creatura spirituale è comparsa nel mon­do. Qui è stato attraversato il Rubicone dell’avvento del­l’essere umano, poiché l’uomo non è definito dalla sua capacità di utilizzare il fuoco o le armi né di applicare le molteplici strategie della crudeltà o dell’efficienza utilitaristica, bensì dalla sua attitudine a rivolgersi im­mediatamente a Dio. A questo resta fissata la dottrina della particolare creazione dell’uomo ad opera di Dio: è qui innanzi tutto il nucleo della fede nella creazione.

(Dogma e predicazione, pp. 135s)