Qui e ora

Aiutaci, scopri come

«Perdonare se stessi»? No, questo non va! Dobbiamo essere per­donati. Ma possiamo credere nel perdono, solo se noi stessi perdo­niamo. Che terribile responsabilità, la nostra! Se tu tradisci, sarà Dio a tradire l’umanità nel tuo aver tradito lui. Ti illudi di poter assume­re la responsabilità verso Dio; puoi assumerti la responsabilità per Dio? «Tradire»: sei soddisfatto quando hai domato e incanalato il tuo lato peggiore? Nella condizione umana è un tradimento non essere in ogni istante il meglio di sé. Tanto più quando altri credono in te! «Il meglio e l’ottimo a cui si possa giungere in questa vita è che tu taccia e lasci agire e parlare Dio». Una volta mi afferrasti, o Lanciatore. Ora nella tua tempesta. Ora verso la tua meta. Dice: Qui tutto è come prima, qui ti attendono ben custodite mille belle canzoni; dove sei stato, dove? Non volgerti indietro. E non sognare il futuro: non ti ridarà il passato né appagherà altri sogni di felicità. E tuo dovere e il tuo compenso — il tuo destino — sono qui e ora. La «mancanza di contegno» di Gesù: sedeva a mensa con pub­blicani e peccatori, frequentava prostitute. Era per ottenere almeno i loro voti? O pensava forse di poterli convertire con tale «appease­ment»? Oppure era perché la sua umanità era abbastanza profonda

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *