Siete figli di Dio

4-gabbiani-in-barca-3a54b83d-a601-4809-ab71-d5a10c1dafc0

Aiutaci, scopri come

Durante la nostra breve esistenza, la domanda che orienta gran parte del nostro comportamento è: «Chi siamo?». Forse ci poniamo raramente questa domanda in modo formale, ma la vi­viamo molto concretamente nelle nostre decisioni di ogni giorno. Le tre risposte che generalmente diamo sono: «Siamo ciò che facciamo, siamo quel che gli altri dicono di noi, siamo ciò che abbiamo», o, in altre parole: «Siamo il nostro successo, la nostra popolarità, il nostro potere». È importante rendersi conto della fragilità di un’esistenza che dipenda dal successo, dalla popolarità e dal potere. La sua fra­gilità deriva dal fatto che tutti e tre sono fattori esterni, che pos­siamo controllare in modo assai limitato. Perdere il lavoro, la fa­ma o la ricchezza spesso dipende da eventi completamente al di là del nostro controllo; ma, quando ne dipendiamo, ci siamo svenduti al mondo, perché siamo quel che il mondo ci dà. E la morte ci toglie tutto questo. L’affermazione finale diventa: «Quando siamo morti, siamo morti», perché quando moriamo non possiamo fare nient’altro, la gente non parla più di noi e non abbiamo più nulla. Quando siamo quel che il mondo fa di noi, non possiamo essere dopo aver lasciato questo mondo. Gesù è venuto ad annunciarci che un’identità basata sul suc­cesso, sulla popolarità e sul potere è una falsa identità: è un’illusione! Egli dice alto e forte: «Non siete quel che il mondo fa di voi, ma siete figli di Dio».

 

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *