Successo e insuccesso

SOLITARIO-a31171975

Questa cosa molto ingiusta si verifica in ogni guerra: tutti rivendi­cano per sé il merito dei successi, mentre la colpa degli insuccessi viene fatta ricadere su uno solo.

 Che il successo abbia molti padri, mentre l’insuccesso rimane or­fano, è una verità che non si dimostra solo in guerra, come vole­va il grande storico romano Tacito nella sua commossa biografia del suocero Agricola, caduto vittima della gelosia dell’imperatore Domiziano. Guai a essere coinvolti in qualche scacco o in una sconfitta di qualsiasi tipo: è questa l’occasione per conoscere cosa sia la soli­tudine. Gli amici prendono subito le distanze, gli inviti si dira­dano, una cortina di silenzio e di distacco circonda subito la no­stra vita. In quel momento l’unico aspetto positivo è quello più difficile da far digerire al nostro orgoglio. Lo esprimeva molto be­ne Bossuet, celebre vescovo e oratore del Seicento, nella sua ora­zione funebre per Enrichetta Maria di Francia, regina d’Inghilterra: «Gli insuccessi sono i soli maestri che possono rim­proverarci utilmente e strapparci quella confessione di aver sba­gliato che costa tanto al nostro orgoglio». Al contrario, quando si è sulla cresta dell’onda, non solo la fol­la degli amici s’infittisce ma si moltiplicano anche quelli che ac­campano meriti, che svelano segrete connivenze, che ostentano antiche e motivate amicizie. Alexandre Dumas padre, l’autore dei Tre moschettieri, aveva una battuta — è un lettore a segnalarmela – che suonava così: «Nulla riesce meglio del successo: è la calamita morale che tutto attira a sé». La lezione è facile a dirsi ma dif­ficile a praticarsi: umiltà, pazienza e coraggio nell’insuccesso; in­telligenza, realismo e ancora umiltà nel giorno del successo.

 

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.