Il dono più grande

Il dono più grande di Dio non è la vita, ma la libertà. (Dante Alighieri)

Le persone rispondono delle proprie scelte, ma non nei confronti di una norma astratta e inflessibile, bensì al cospetto di un Dio che è Amore (1 Gv 4,8). Le persone: non la massa anonima, in cui l’in­dividuo si rifugia per sfuggire al peso della propria libertà. (…) Nessuno può sostituirsi a noi quando scegliamo tra il bene e il male. Avere il senso del peccato significa percepire la propria infini­ta solitudine e, al tempo stesso, l’infinita importanza che ognuno ha davanti a Dio. Perché siamo liberi, anche se cerchiamo di di­menticarcene. (… ) Dall’altra parte c’è Dio, con la sua infinita volontà di perdono, manifestata in Gesù. Egli non si limita ad annunciare questo per­dono del Padre: lo realizza.