L’amore è un’arte

silenzio-9df6b146-4593-4ae0-be7c-a385ee91dfed

«L’amore non è un sentimento, è un’arte». Paul Morand

L’amore è spesso associato al desiderio. II deside­rio è appetito del cuore, quell’impulso meraviglio­so che ci fa alzare la mattina con la testa piena di progetti o il cuore ricolmo di gioia, che ci spinge ad amare, ad abbandonare lungo il cammino il fardello del nostro ego per dirigerci a passo più leggero verso l’incontro con l’altro. Non si tratta di addomesticare il desiderio, ma di associarlo a un ideale, invece di asservirlo a una pulsione. Tutti ci aspettiamo amore.., dimenticando che rice­viamo ciò che diamo! Se vogliamo credere all’amo­re duraturo dobbiamo avere le stesse aspirazioni, la stessa cura e lo stesso gusto per la bellezza che ha il giardiniere per il suo giardino. Dovremmo esse­re dei giardinieri d’amore. Curare, non calpestare. Entrare nell’armonia dell’altro con delicatezza. Ri­spettare il ritmo delle maturazioni e delle fioriture, dei germogli segreti di primavera, estirpare regolar­mente le erbacce dannose che, se non stiamo at­tenti, in poco tempo rovinano l’armonia del nostro giardino e soffocano il buon seme. Sì, l’amore è un po’ come l’arte del giardiniere e noi dobbiamo essere paesaggisti dell’anima perché vi possano re­gnare equilibrio, bellezza e armonia.