Approfondimenti

Prudenza e misericordia

Va’ coi saggi, diverrai saggio,
chi frequenta gli stolti diventa stolto.
Proverbi 13, 20

Questo monito è  duro e lapidario: chi frequenta gli stolti è destinato a diventare sciocco e sprovveduto. La nostra mente, seppur con sfumature diverse, corre veloce al nostro famoso adagio “Chi va con lo zoppo, impara a zoppicare”.  Sarà bene precisare che nella Bibbia la parola stolto non indica solo una persona stupida ma assume una forte coloritura morale: la stoltezza è sinonimo  di cattiveria, meschinità e perfidia. Il detto del Libro dei Proverbio è  quindi un invito ad evitare anche le persone cattive e malvagie.  Gesù però non è così perentorio, anzi! Frequentava i reietti, mangiava con i pubblicani, si avvicinava alle prostitute; non aveva paura di sporcarsi le mani con i ripudiati, gli esclusi, i lontani. Se da un lato il libro dei Proverbi ci ricorda che frequentare con superficialità e disinvoltura i crapuloni e i disonesti può farci precipitare in oscuri abissi, dall’altro Gesù ci insegna che la salvezza redentrice di Dio abbraccia tutti gli uomini, soprattutto coloro che sono nelle tenebre del peccato e dominati dal giogo del male. Il libro dei proverbi ci insegna la prudenza, Gesù la misericordia; due dimensioni che non si contrappongono ma si intregnano nell’unico comandamento dell’amore. Infatti la prudenza conserva la misericordia evitando che diventi miseria.

 

   

il Podcast di don Luciano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *