Non temo il lupo di Gubbio

«Guardatevi dal lievito dei farisei, che è l’ipocrisìa».

 Scusatemi, se per commentare questo brano dell’evangelista Luca ricorro ancora all’immagine del lupo. Leggendo i Fioretti di San Francesco, quando viene narrata la parabola del lupo di Gubbio, ad un certo punto si ha la sensazione che da un lato ci sia solo questo animale famelico e dall’altra parte dei bravi cittadini; da una parte il male, solo il male, e dall’altra il bene, solo il bene. «Guardatevi dal lievito dei farisei, che è l’ipocrisìa. Non c’è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto».Cos’è questo lievito? E’ il lupo in bianche vesti, con il mantello ben stirato, con i guanti di velluto che giorno dopo giorno cresce dentro di noi. Un giudizio frettoloso, un discorso velenoso e il lievito dell’ipocrisia è confezionato, imbustato, pronto per essere usato. Io non temo il lupo cattivo, quello che sta dall’altra parte della barricata. Come giustamente osserva don Primo Mazzolari: ”Amici cari, la parabola incomincia a diventare interessante. Vi siete domandati perché questo lupo viene, rapisce e guasta? Si fa presto a giudicare, siamo così facili a giudicare! Il lupo in veste d’agnello, il lupo ben vestito è quello che non ha una tana, ma una casa. Provate a pesarlo il nostro egoismo. Noi parliamo bene, noi non bestemmiamo, noi sappiamo trattare con convenienza, noi abbiamo imparato l’educazione e ci confrontiamo. Sentite, sto dicendo una cosa brutta, ma non posso non dirla, anche a costo di dispiacervi. Guardate che a fare le brave persone, quando si sta bene, è un lusso. Vi dico di più: «È un privilegio»”. Io non temo il lupo della foresta, che ramingo vaga tra un rudere e l’altro, che lotta con i pastori per sopravvivere.  E’ un lupo che non si nasconde, le sue opere avvengono alla luce del bagliore lunare, sotto il cielo stellato, non ha scheletri nell’armadio. Si converte, diventa buono incontrando il santo d’Assisi. Io temo l’altro lupo, quello che coltiva il lievito dei farisei, che si crede buono ma in realtà è capace di tanta cattiveria.  Temo questo lupo perché ha il potere di nascondere il mio male mettendo in luce quello degli altri, ha il potere di condurmi su un sentiero senza ritorno.

di  don Luciano Vitton Mea

 

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.