Tracce di cammino

CANSIGLIO-VENETO-ITALIA-a32340802

Quando attorno a te c’è quiete e tu ti fermi terrorizzato, quando il lavoro diventa una fuga dall’angoscia e dalla responsabilità, quando senti battere in te il cuore crudele e maligno del lupo della steppa, allora non cercare un narcotico nel rumore e nella fretta snervante. Fissa risolutamente la tua immagine finché non avrai trovato il fondo.

 Dalle note “Tracce di cammino” di Dag Hammarskjöld traggo oggi questa considerazione sulla crisi interiore. Non sempre brilla nel nostro cielo la luce; non di rado ci sembra di essere piombati sotto un’eclisse e tutto perde colore e bellezza. Ciò che prima ci entusiasmava, ora ci deprime. La quiete che ci dava serenità, ora ci angoscia. Il lavoro che riempiva i nostri giorni, ora è solo un modo per non pensare e agire senza responsabilità. I viaggi che prima erano conquista e apertura d’animo, ora sono evasione e frenesia. La musica si fa rumore, le persone infastidiscono, il gusto sembra essersi regolato solo sul sapore della cenere. E soprattutto il cuore s’incattivisce come «lupo nella steppa». Ebbene, in quel momento, anziché cercare un narcotico, chimico o spirituale che sia, è necessario – suggerisce Hammarskjöld – fermarci e fissare noi stessi, scavando fino al fondo dell’anima. Proprio per questo ho proposto una simile riflessione per chi sente più forte  la solitudine e la nausea, per chi è in crisi;momenti difficili ma, forse, quando è anche più facile stare in silenzio e guardare seriamente e pacatamente in se stessi.